Shabbat

– Se ari o se trebbi, se semini o mieti,
se fili, se tagli o cuci le reti
il sabato no, non può proprio andare,
sappi che questo non lo puoi fare.
All’antica norma non sei fedele:
se macini, impasti, o tessi le tele
nel giorno sacro al riposo di Dio
tu della legge non sei un servo pio.
Son trentanove i suoi santi precetti,
non potrai cuocere o fare progetti,
non laverai né accenderai il fuoco,
queste non sono bestemmie da poco.
– Grazie mio rabbi, mi hai illuminato,
ciò che mi hai detto mi ha rincuorato;
torno al mio aereo che in pista mi attende,
or sono lieto, il Signor non si offende:
credevo a Gaza di fare peccato
quando di sabato ho bombardato.

Il Temporeggiatore

L’ingiustizzie der monno

Quanno che senti di’ “cleptomania”
è segno ch’è un signore ch’ha rubbato:
er ladro ricco è sempre un ammalato
e er furto che commette è una pazzia.
Ma se domani è un povero affamato
che rubba una pagnotta e scappa via
pe’ lui nun c’è nessuna malatia
che j’impedisca d’esse condannato!
Così va er monno! L’antra settimana
che Yeta se n’agnede cór sartore
tutta la gente disse: – È una puttana. –
Ma la duchessa, che scappò in America
cór cammeriere de l’ambasciatore,
– Povera donna! – dissero – È un’isterica!…

Trilussa

La certezza de falla franca

Arubba, spaccia, insurta, imbroja, ammazza…
Fra i tanti modi de esse un forilegge
te sceji quello che deppiù te arazza
ché poi, un santo che te sa protegge

se trova, e proprio indove ce svolazza
la parolina tanto bella : “LEGGE”,
che immezzo er maggistrato ce se sguazza
a un modo che oramai ‘n se pò più aregge !

E più sei tosto e più sarà più mejo
ché quello, pe fa vède ch’è uno svejo
se inventa un sottominimo de pena

e come imbocchi, sorti de galera
che manco a tte te po’ sembratte vera
st’indegna sorta de gran messa in scena.

Vedrai che ne la fama te cianneghi
e si dovessi aveccene la “vena”
ce scrivi sopra un libbro e te ne freghi !

Armando Bettozzi