Emergenza

Ma chi l’ha detto che i treni arrivano in ritardo a causa del freddo e del maltempo? Alle otto e un minuto il treno che era diretto a Milano era lì, al binario dieci, solo che doveva arrivare il giorno prima, adesso non cavilliamo…giorno più, giorno meno. L’importante era l’ora! Certo che con quello che ha detto l’AD Moretti è bene passare al supermercato e fare provviste oltre a portarsi qualche coperta, magari una stufetta a cherosene, qualche bottiglia di Centerbe o brandy. Dice…” Ma che starai fuori per molti giorni in tenda?”. “No! Vado in ufficio ma mi sono premunito dopo quello che ha detto Moretti!” risponde l’altro che prende normalmente il treno dei pendolari per andare al lavoro e altrettanto normalmente si alza alle quattro di mattina per arrivare in ufficio puntualmente in ritardo alle nove. Quello che invece è sconcertante è il fatto che per qualsiasi problema viene preso come termine di paragone e come scusante la “media europea”. La crisi occupazionale? Siamo nella media europea se non addirittura meglio di altri paesi! I ritardi dei treni? Siamo nella media europea, per certi aspetti anche più bassi! Il debito pubblico? L’Italia è tra le nazioni europee che stanno meno peggio! Insomma se a me crolla la casa, al resto d’Europa crolla tutto il palazzo. Ma se l’Europa sta incasinata peggio di noi…in media, noi che ci stiamo a fare in Europa? Quando si nomina la protezione civile, tutti si danno una grattatina scaramantica e quando appare  “Sua Emergenza”  Guido Bertolaso in tv si fanno il segno della croce. Ogni anno proclama stati di calamità a destra e a manca, nevicate, frane, temporali che mettono l’Italia in ginocchio e lui dallo schermo, serio come un funerale, mette tutti in allarme. È mai possibile che ogni anno ci si ritrovi con gli stessi problemi? Ma quando il tempo è buono, quando le stagioni sono belle (ormai cosa rara) chi dovrebbe occuparsi di strade, fiumi, colline, rimboschimenti e via dicendo, dove sta? Fateci caso, in Liguria ogni inverno è sotto un fiume di fango, allagamenti e frane. Ma a nessuno viene in mente che l’anno dopo, se non prendi provvedimenti, ti ritrovi nella stessa situazione. No, ogni anno, puntualmente ti ritrovi Bertolaso che ti fa l’elenco delle catastrofi. E ancora qualcuno me la chiama “Protezione civile”.

Claudio Pompi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: