Ma la moglie a cosa serve?

Non me l’aspettavo, giuro che non me l’aspettavo da “Pierino” una cosa del genere. Ma cosa gli è capitato? Lui ,che prima di diventare Presidente della Regione Lazio, dallo schermo moralizzava e fustigava quanti perpetravano malefatte ai danni degli italiani me lo beccano in camicia e calzini (non c’è niente di più ridicolo di un uomo nudo con i calzini corti!) con Natalia e Brenda detta “Brendona”. Qualcuno dirà, giustamente, che non c’è nulla di strano con quello che si vede oggi in ambito politico. Boffo, l’ex Direttore di Avvenire, lo hanno silurato dopo che è saltata fuori la storia della sua amicizia particolare con il marito di una signora di Terni. Era quello che andava cercando donnine allegre nel letto di Berlusconi, era il moralizzatore per eccellenza. Sircana, portavoce di Prodi, andava per viados in una delle zone più frequentate di Roma dalla categoria del “ prendi due e paghi uno”. Mi spiego meglio, il viado è come un minimarket del sesso, ci trovi tutto senza doverti spostare. Ti stanchi di una pratica? Passi all’altra e viceversa. Per la maggior parte questi signori che frequentano i viados girano con le auto blu (ma sono anche metallizzate, bianche, nere) e la benzina la paghiamo noi. Oltretutto sono anche felicemente o infelicemente sposati. Non ne trovi più uno che faccia sesso con la moglie, e se lo fanno, nella migliore delle ipotesi la moglie è quella di un altro. Una volta si diceva che vicino a un grande uomo c’era una grande donna. Oggi questa donna o è l’amante, preferibilmente giovanissima…modello Noemi, oppure è soppiantata da un trans. Probabilmente qualche regista rampante girerà un film dal titolo “Un trans chiamato desiderio” rifacendosi al titolo del celebre lavoro di Elia Kazan, solo che al posto di Marlon Brando ci sarà “Brenda detta Brendona” o “Natalia”. Oggi non dobbiamo meravigliarci di niente e queste storie a luci rosse ci sono sempre state, solo che oggi è più facile venirne a conoscenza. Se vogliamo andare a guardare bene, le uniche persone danneggiate moralmente sono proprio le mogli. Ma ve la figurate una signora che scopre che il proprio marito se la intende con un facchino brasiliano mentre lei non ha ceduto alle lusinghe del macellaio sotto casa? I bambini che vedendo le fotografie del depravato genitore domandano “Chi è mamma e chi è papà? La mamma è un uomo diventato donna oppure papà era una donna con gli attributi?”. Poi in televisione vedono Vladimir Luxuria che è già brutto come il peccato mortale da uomo, figuriamoci travestito da donna, e bisogna ricorrere allo psicologo per dare loro una nuova identità. Immaginate una moglie che scopre nel cassetto della biancheria del marito una confezione di autoreggenti. Secondo voi qual è il primo pensiero che le attraversa la mente? Che il marito gliele voglia regalare per dare una scossa al menage coniugale facendogliele indossare. Questa è la migliore delle ipotesi per una moglie fiduciosa. Quella meno fiduciosa penserebbe che il marito se la fa con una di quelle o che abbia una amante. Ma trovatemi una moglie che è una che pensi che l’amante del marito si chiami Josè Alvarez Moreno in arte “ Samantha” e che le calze le indossa lui, il marito! Che fa la poveretta? Ripensa a quando domandò, quasi per gioco ma con apprensione “ C’è un’altra donna nella tua vita?” e lui con tono deciso e rassicurante le rispose “Cara tu sei l’unica donna della mia vita!”. In fondo le aveva detto la verità! Forse Pierino ha fatto la stessa cosa. La cosa sconcertante in questa storia è il posto dove avvenivano gli incontri. Via Gradoli, nello stesso edificio dove fu allestita dalle BR una delle prigioni di Aldo Moro. Sarebbe lungo raccontare le “stranezze” di allora, però basti sapere che via Gradoli già allora era una delle vie più “protette” dai servizi segreti italiani indipendentemente dal caso Moro e antecedentemente allo stesso. Alcune abitazioni erano a disposizione dei servizi segreti. È una via molto stretta e in discesa, difficile passare inosservati, ma stando alle recenti informazioni pare che non fosse solo Pierino a recarvisi. Almeno dagli anni novanta è dominio dei viados che vi dimorano ed espletano la loro attività in nero (non per l’abbigliamento sadomaso o il colore della pelle ma per le tasse regolarmente non pagate). Forse è l’unico posto dove destra e sinistra vanno d’accordo o fingono di non conoscersi. In casa di un trans esiste la democrazia e l’alternanza perché prima ci va uno della destra e poi uno della sinistra quando non ci vanno entrambi contemporaneamente per una alleanza trasversale, magari temporanea. Un trans è l’unico che può dire che la politica italiana funziona e se non funziona ci pensa lui a dargli una aggiustatina, dipende da che posizione si assume.

Claudio Pompi

Annunci

2 commenti

  1. tinti said,

    ottobre 26, 2009 a 5:49 pm

    Sempre calzante ,sempre arguto senza mai strafare….mi risulta che la moglie del succctato stava quasi per leggere ,alla tv del 3 alla mezzanotte,la notizia del marito con Natalie quando la redazione si è resa conto che sarebbe stao un infarto ..in diretta e allora ha passato la palla ad altri.Grazie Claudio,caro Tavor.
    Tinti specchio

  2. Ciro said,

    novembre 2, 2009 a 9:13 am

    Claudio !
    Sono in ufficio e rido come un matto (ho solo ora avuto il tempo di leggerti)
    Mi piace il tuo modo di essere chiaro …complimenti
    Un abbraccio


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: